Format impresa sociale

“A CASA LORO”: un modello virtuoso per l’accoglienza dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale - Format impresa sociale

“A CASA LORO”: un modello virtuoso per l’accoglienza dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale

Format Srl – Impresa Sociale opera da più di 10 anni nel campo dell’accoglienza dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale. L’esperienza maturata, le storie di successo raccolte e la capacità di interpretare i bisogni degli utenti e del territorio permettono una definizione evolutiva del modello di accoglienza, puntando al raggiungimento dei più alti standard di qualità, al servizio delle persone ospitate nei centri e degli enti territoriali che ne sono titolari. Format si rivolge direttamente alle persone accolte ed accompagnate nel loro percorso di inserimento in Italia, perché si sentano “A casa loro”
IMG-20220806-WA0004
Un'accoglienza veramente diffusa: appartamenti per piccoli gruppi

Format garantisce l’accoglienza in un ambiente domestico a misura di persona. Un’accoglienza che permette la distribuzione dei richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale in piccoli gruppi all’interno di appartamenti diffusi sul territorio urbano di riferimento, favorendo così la prossimità ai servizi territoriali. Quella di Format è una visione strategica capace di evitare condizioni di isolamento territoriale, segregazione spaziale, sovraffollamento. Il modello “A casa loro”  sviluppato da Format ha ideato strumenti e processi appropriati per garantire ai destinatari di progetto l’accesso ad una abitazione degna e per favorire il loro percorso di inserimento socio-lavorativo.

IMG-20220806-WA0000
Interpretare la compresenza interculturale in ambito urbano

Il modello di Format “A casa loro” si configura come esperienza caratterizzata da requisiti di replicabilità. L’accoglienza in area urbana e suburbana evita l’isolamento della popolazione non italiana, prevenendo i rischi legati all’emarginazione e allo sfruttamento e superando l’approccio emergenziale nelle scelte di localizzazione delle strutture di accoglienza nel territorio di competenza. Il modello abitativo urbano “A casa loro” si basa sui principi di co-abitazione e condivisione degli spazi comuni come presupposti della promozione dell’autonomia personale dei beneficiari di progetto, ma anche della coesione territoriale. “A casa loro”, infatti, si basa su prassi sperimentate ed adattate al caso specifico utili a favorire il coinvolgimento della popolazione autoctona nelle attività previste, avviando una politica dell’abitare che si sviluppa dal basso, a partire dalle relazioni di buon vicinato nel quartiere: ciò consente agli enti locali di reinterpretare la sfida dell’accoglienza delle popolazioni migranti nel quadro delle politiche abitative e, altresì, in quello dei progetti di rigenerazione urbana.

Promuovere l'inserimento socio-economico attraverso la formazione linguistica e professionale

Format riconosce che il sistema di accoglienza funziona solo se è in grado di agire come una forza emancipante per la persona accolta. Questo vuol dire mettere l’ospite in condizioni di:

  • Comunicare nella lingua locale per esprimere se stesso, comprendere gli altri e le loro esigenze, interagire con i servizi pubblici e privati del quartiere, comprendere i propri diritti e compiere i propri doveri. Per questo, nel modello “A casa loro” si prevedono corsi di formazione linguistica tarati sul livello conoscitivo dei singoli individui, affidati a personale qualificato per l’insegnamento dell’Italiano L2. Si orientano, altresì, i partecipanti allo svolgimento degli esami di certificazione linguistica, anche presso la sede di Format, accreditata per lo svolgimento degli esami CILS;
  • Valorizzare le proprie esperienze pregresse, attraverso un serio bilancio delle competenze svolto da un tecnico TACIT, ed acquisire nuove conoscenze ed abilità, orientando la persona a coltivare in maniera continua i percorsi di apprendimento individualizzato e di gruppo. Ove il piano personalizzato lo preveda, il beneficiario viene inserito in corsi di formazione professionale pratico-teorica orientati all’inserimento lavorativo, certificati da un tecnico TAV. Si promuovono altresì tirocini e borse lavoro a vantaggio del tessuto economico-imprenditoriale locale, con l’obiettivo di incrementare i livelli di inclusione economica e sociale del beneficiario.
IMG-20220806-WA0003
Lavorare alla coesione sociale: l'accoglienza come responsabilità condivisa

L’équipe di “A casa loro” non trascura mai di coltivare le relazioni di buon vicinato e la presenza attiva nel quartiere: si tratta di aspetti centrali per promuovere la coesione sociale e prevenire/gestire il conflitto, laddove ne emergano segnali. Uno dei limiti principali delle prassi di accoglienza si configura spesso come mancato riconoscimento dell’occasione offerta dalla presenza di un centro SAI nello spazio di quartiere. La compresenza della componente locale e di quella straniera della popolazione residente consente, infatti, di accrescere la qualità della vita urbana nel suo complesso, tanto per la maggiore attenzione che le istituzioni offrono a tali presidi, che per l’occasione di crescita del tasso di vivacità economica e culturale che essi implicano. Nel modello messo a punto da Format, gli ospiti del SAI sono indirizzati allo svolgimento di attività di volontariato con ETS territoriali; si promuovono, inoltre, incontri pubblici, giornate di studio e di sensibilizzazione, ma anche laboratori aperti alla popolazione locale ed occasioni di capacity building per i funzionari pubblici, secondo una programmazione annuale e semestrale definita in accordo con la locale pubblica amministrazione. In questo modo l’accoglienza dei richiedenti asilo e dei rifugiati affidata agli enti locali e a quelli gestori torna ad essere una responsabilità condivisa dalla collettività. 

IMG-20220806-WA0042
La gestione dei gruppi vulnerabili: MSNA e nuclei familiari monoparentali

Il modello “A casa loro” vanta una lunga esperienza anche nella gestione di centri dedicati ai MSNA o atti ad accogliere nuclei familiari monoparentali, che richiedono specifiche misure di protezione e promozione individuale. Il personale specializzato selezionato da Format ha, altresì, competenze per individuare e gestire casi di esposizione al rischio di tratta o di fragilità di varia natura. L’équipe riceve, inoltre, periodici aggiornamenti per acquisire nuove conoscenze e sperimentare nuove prassi.

Progetto senza titolo (13)

2023 Powered by Format

0